.
Annunci online

MoScHiNo
post pubblicato in Diario, il 30 novembre 2006


 
 - Che fa, santità, si toglie le scarpe?
 - Bhe, il rosso con il blu, proprio non si può...


 




permalink | inviato da il 30/11/2006 alle 23:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa
L' Anm è scontenta.
post pubblicato in Dardi di Nardi, il 30 novembre 2006



I magistrati sono scontenti. L' indulto? Troppi bruti liberati.
 

da il Riformista





permalink | inviato da il 30/11/2006 alle 18:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (21) | Versione per la stampa
Che ne sapete voi dei vostri problemi?
post pubblicato in Ecce Dardo, il 30 novembre 2006



La Iervolino avverte: licenzierò i fannulloni. Panico in giunta. 

 




permalink | inviato da il 30/11/2006 alle 14:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (15) | Versione per la stampa
Il lifting che serve a Putin
post pubblicato in Dardi di Nardi, il 30 novembre 2006



Putin sta pensando ad una strategia per riabilitare la sua immagine. Ci vorrebbe un' idea per svelenire il clima.

 




permalink | inviato da il 30/11/2006 alle 0:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (21) | Versione per la stampa
Referendum sull' eutanasia. Tanto poi ci si pente.
post pubblicato in Dardi di Nardi, il 29 novembre 2006



Secondo un sondaggio di Ipr Marketing, molti cattolici sarebbero favorevoli ad un referendum sull' eutanasia. E' proprio vero: quando il gatto non c'è, i topi ballano.

 
 




permalink | inviato da il 29/11/2006 alle 18:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (27) | Versione per la stampa
Nel vetro, il barbaro rosso ed il barbaro nero.
post pubblicato in Caro Barnaba, il 29 novembre 2006



Celestino dice  che “un barbaro è per antonomasia un impietoso, un crudele, un disumano”.  In buona sostanza è vero; dice bene. Quello del “barbaro” però è il più relativo dei concetti. Senza codice comune siamo tutti barbari per il prossimo, homo homini barbarus, quasi. E ci vuol poco a smarrire il codice declinando le desinenze, ché a Napoli, ad esempio, i barbari sonoi “cafoni”; ove per cafoni s’ intendano quei portatori sani di  vocali più aperte o, a sorpresa, più chiuse che dalla cumana o dalla circumvesuviana si riversano ogni giorno nella città. Barbar, miracolo onomatopeico dell’ incomprensione, ‘sti barbari. Ma così, ognuno per l’altro appena diverso, come per la morale, esistono codici superiori escludenti che fanno subito barbaro ciò che in qualche modo è alieno.
Ma questa reciproca eslusione barbarica sì può rendere, forse, anche in senso inverso? La più fresca delle menti che io conosco, a proposito dei punti di vista,  porta sempre l’ esempio dei due pesciolini nella boccia di vetro. Ce n’erano uno rosso ed uno nero, racconta, ed un giorno quello nero morì. Ma quale pesciolino era morto davvero? Era possibile ritenere che il pesciolino rosso si fosse sempre riconosciuto nell’ altro, e viceversa. Al punto che, magari, l’ uno fosse convinto d’ essere del colore dell’ altro. E dunque alla morte di  uno dei due qual è il colore giusto da assegnare? Nella coscienza del sé c’è tutto il fascino vero del relativismo.
La storia dei pesciolini di colore diverso, dunque, lascia aperto questo spazio d’ indagine che s’ inarca tra la percezione dell’ altro e quella dell’ Io. Il conflitto barbarico, la guerrà tra civiltà, è solo una prospettiva possibile, la più frequente e probabile anche, ma, come si vede, non l’ unica. Quella delle miniere dell’ anima dove "esplode il grisou" è un' immagine che m’ affascina. Ma così, temo, muoiono tutti e due i pesciolini, quello rosso e quello nero. E a chi giova?


 




permalink | inviato da il 29/11/2006 alle 16:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa
Duck Tales
post pubblicato in Spiate, il 29 novembre 2006



Niente paura. Ha messo la mani in tasca, non ci ha trovato la numero uno ed è svenuto. Fa sempre così. Poi annusa i sali, ritrova la moneta che s' era nascosta, birba!, nelle pieghe del tessuto della giacca, e si riprende. Pensa a quei metri percorsi da svenuto in braccio ai soccorritori, e si compiace per quei pochi attimi in cui non ha consumato le ghette. C'è poco da fare: ho sempre avuto un' insana passione per Zio Paperone.
 

da Dagospia
 





permalink | inviato da il 29/11/2006 alle 2:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (26) | Versione per la stampa
Non ingerire, tenere lontano dalla portata dei ciellini.
post pubblicato in Dardi di Nardi, il 28 novembre 2006



La Chiesa non ama ingerire in questioni che non siano strettamente spirituali. Infatti nessuna dichiarazione del Vaticano è seguita all' assegnazione del pallone d' oro a Cannavaro.

da il Riformista 
 





permalink | inviato da il 28/11/2006 alle 18:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (21) | Versione per la stampa
Dimissioni storiche o, tante volte, storia che si ripete?
post pubblicato in Diario, il 28 novembre 2006


 
Non è che ho tutto sotto controllo, ma m i pare di non aver sentito, diramate dalla Farnesina, suadenti parole baffute che chiedessero a Cossiga di tornare sulla decisione delle sue dimissioni. Significherà qualcosa?




permalink | inviato da il 28/11/2006 alle 13:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (20) | Versione per la stampa
Cocodrile Dundee
post pubblicato in Diario, il 28 novembre 2006



Cari amici, care amiche,
i coccodrilli hanno affilato le lacrime. Eggià che nelle redazioni si sarà addensata quella nebbiolina di panico agli angoli degli occhi. Ma è solo questo il problema?  No, non è solo questo: perché non ci vuole la zingara, e manco il fine dicitore di redazione, per associare ad una eventuale dipartita improvvisa di Berlusconi il ritorno in pompa magna del cattocentrismo bilaterale. E sarebbe ritorno imperante, ché oltrefiume si sarebbero sacrificati una decina d’ermellini per rifare gli orli alle bavette. E allora augurare lunga vita al clown di Arcore? Essì, e per forza, e non solo per una questione d’ umanità  - che è uno schifo ipocrita solo precisare -  ma proprio perché ci interessa.
I coccodrilli, benedetti,  ci hanno avvisato: sappiamo bene che mondo sarebbe senza nutella; ma pure che sfiga se all’ improvviso…, senza Lacoste.

 




permalink | inviato da il 28/11/2006 alle 0:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (17) | Versione per la stampa
Sfoglia ottobre   <<  1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9  >>   dicembre