.
Annunci online

Spiatemi, please.
post pubblicato in Dardi di Nardi, il 26 ottobre 2006



Ormai, se nessuno ti spia, non sei figlio di Maria. 
 







permalink | inviato da il 26/10/2006 alle 22:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (22) | Versione per la stampa
Aria re viento e re terra
post pubblicato in Diario, il 26 ottobre 2006



E’ da mesi che rimando questo post. Il motivo è che sono totalmente incapace di recensire musica. Faccio comunque un tentativo, sperando nella clemenza dei lettori e del recensito.
Si tratta di musica popolare, nello specifico di musica cilentana. E fin qui tutto normale. La novità però è che Angelo Loia propone nel suo primo disco, prodotto dal “Progetto Oiza”, testi e melodie nuove. Non è il revival del genere sagra-festa-della-birra, ma l’ identificazione di un codice: quello secondo cui si possono dire cose che non esistono più attraverso sonorità che invece possono sopravvivere. Etsi traditio daretur, diremo, almeno nella musica…
Perché scrivere questo post? Perché incidentalmente qualcuno potrebbe acquistare questo disco e premiare l’ impegno di questo bravo cantautore. Perché è una persona modesta e cordiale. Perché non farlo suonerebbe come far cuocere il pane e poi non volerlo dividere con nessuno. 
 

Aggio saputo ca tu ha fatto ‘o ppane,
m’ avisse ritto:  te’, no filoncieddo.

 





permalink | inviato da il 26/10/2006 alle 20:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
Odi barbariche
post pubblicato in Caro Barnaba, il 26 ottobre 2006

Caro Barnaba, l’ impudenza dei sinistri naufraga nel conflitto del talamo. Dopo anni di “conflitto d’interessi” alluccati (sgridati) a Berlusconi, plutocrate della Tv, scopriamo che le compagne ministeriali scrivono Km di editoriali inneggianti al compagno miglior canonico di Via XX Settembre.
Siamo alle solite: prediche moraliste dei buoni predicatori – cattivi razzolatori – della nostra Repubblica. Un rimbrotto diviene necessario quando solo per mondanità si ricorre alla bas-bleu che gorgheggia l’epica della schioppettata.

Celestino Ferraro

 

Celestino caro, tutto il mondo è paese. E per certe cose il nostro Paese è famoso in tutto il mondo. Diciamolo: grazie a tutti, destri e sinistri.
 




permalink | inviato da il 26/10/2006 alle 17:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (24) | Versione per la stampa
Claudio Sabelli Fioretti intervista Francesco Nardi Borromeo.
post pubblicato in Diario, il 26 ottobre 2006



Molti sostengono che lei legge il gobbo in maniera poco spontanea…

Io  non leggo il gobbo, ma ho letto tutto Andreotti.
 

Da piccolo voleva fare l’ attore?

Ma adesso ho capito che sarebbe meglio evitare…

 

E allora?

E allora voglio trovare un lavoro di cui essere fiero. Uno di quei lavori per cui stai in piedi  fino alle quattro del mattino perché non hai voglia di smettere. Il cubista…

 

Ma lei è una bella statuina?

E son pure intelligente.

 

Lei ha detto a Gian Antonio Stella: sono laico e di sinistra. 

Non sono ateo: mi venero fin da piccolo. Se mi prego, a volte, riesco anche ad esaudirmi.
 

Per chi ha votato?

La Rosa nel pugno.

 

La rosa radicale, o la rosa socialista

Un voto laico, tutto lì.

 

Chi le piace a destra?

La Prestigiacomo. Sono un galantuomo, ma mica fesso.

 

Gli stilisti preferiti?

Ralph Lauren di giorno e Valentino di sera. Ma io vesto in giacca e cravatta.

 

Si può essere di sinistra essendo ricchi? 

La domanda è mal posta. Avrebbe dovuto chiedermi: si può essere di sinistra di spalle?

Una domanda d’ obbligo: amici poveri ne ha?

 

Io sono un relativista, non so esprimermi in questo senso. 

Chi butta giù dalla torre: Previti o Dell’ Utri? 

Non parlo dei condannati, Dell’ Utri è rimasto bloccato in un Circolo Culturale vizioso: indi, Dell’ Utri.

 


Domande di Claudio Sabelli fioretti tratte dal Magazine del Corriere. Intervista a Beatrice Borromeo.




permalink | inviato da il 26/10/2006 alle 15:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (15) | Versione per la stampa
Se non dormi, chiamo l' uomo nero.
post pubblicato in Diario, il 26 ottobre 2006
Post intimista. Alla fine è un blog.

Alle dodici e trenta sono andato a prelevare la mia nipotina  Alice all' asilo. Giunti a casa ho tentato varie strategie narcotizzanti.

Primo tentativo. Visione coatta, in stile metodo Ludovico, di monologhi di Del Debbio. Fallito: ride, e dice che è un Teletubbies.
Secondo tentativo. Spossamento: correre come indiavolati e tirare le orecchie ad un barnaba terrorizzato. Fallito: questo scricciolo ha molte più energie di me.
Terzo tentativo. Minaccia narcotica: "Alice, tesoro, se non dormi subito, viene Milingo e ti sposa".

E' tra le braccia di Orfeo.



permalink | inviato da il 26/10/2006 alle 13:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa
Gomorra. Responsabilità diffusa
post pubblicato in Ecce Dardo, il 26 ottobre 2006


 
Quanti cittadini sono responsabili del fatto che Napoli sia diventata una Gomorra? E del fatto che la Campania tutta sia ormai una Sodoma? Ve lo dico io: a Lot of.


 




permalink | inviato da il 26/10/2006 alle 1:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa
Impossibile andare d'accordo con gli edicolanti
post pubblicato in Caro Barnaba, il 25 ottobre 2006


Caro Barnaba, nella mia zona si è verificato un avvicendamento nei cda delle principali edicole. Tre per l'esattezza. Vecchie gestioni a casa sfiduciate da problemi di natura interna, il classico scazzo dell'edicolante azionista. Già perchè nel compiere, più che comprare, le sue azioni quotidiane l'edicolante tipico è fondamentalmente scazzato come il venture capital un po' snob che partecipa senza anima al successo dell'impresa. E' proprio un'impresa prendere, specie la sera sul far di chiusura, dal pacco impacchettato dell'invenduto il foglietto cicciopotamesco o arancionesco che il sottoscritto agogna per annegare assieme alla birretta l'obolo frustrativo quotidiano.
Non c'è verso si stufano, vuoi per il freddo, vuoi per le tante ore trascorse ad aspettarmi fino a pochi minuti prima della chiusura, fatto è che non resistono sti edicolanti e abbandonano l'esercizio. Adesso i tre nuovi interlocutori, ma niente... non c'è verso: giovani, anziani, ex-operai Fiat, ex-qualcosa o qualcos'altro, niente non c'è speranza. Proprio poco fa, la scena si ripete: arrivo davanti all'edicola, l'arancino nella sinistra, l'eurino nella destra, la cicca in bocca, pronuncio la fatidica: "Il Riformista per favore" e dall'altra parte lo sbuffo, il disorientamento, il consulto con i soci in affari, poi da lontano nella macchina in cui si ta già caricando l'invenduto: "No finito!", allora ripeto la procedura "Il Foglio" - sono più fortunato, a parte lo sbuffo che è già il secondo, sento, sembra ancora da più lontano, un "Eccolo!"
Anche stasera ce l'ho fatta. Saluti...."


Michele Fronterre'


Caro Michele, anch' io ho qualche risentimento con la categoria. Li trovo troppo inflessibili: orari tedeschi, mai che sgarrassero un minuto. Alle tredici e trenta spaccate chiudono. Nei post-sbronza del week end resto sempre senza giornali.
C’è una cosa poi che non perdonerò mai ai grandi quotidiani. Quella vergognosa idea di regalare il primo numero delle più disparate collane allegate al quotidiano. L’ effetto è che i quotidiani sono esauriti alle nove del mattino, i volumi omaggio vanno a farcire eteregonee biblioteche d’ arredamento, ed i quotidiani vanno ad incartare le spigole.





permalink | inviato da il 25/10/2006 alle 21:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa
Vietato parlare al conduttore
post pubblicato in Dardi di Nardi, il 25 ottobre 2006



Il proporzionale ha portato l' equo canone a Palazzo Chigi, ma aria di sfratto a Palazzo Madama.
 
da il Riformista






permalink | inviato da il 25/10/2006 alle 17:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa
Il frocismo che non mi piace
post pubblicato in Diario, il 25 ottobre 2006


Un editoriale apparso oggi sul Riformista assesta un paio di colpi ben piazzati al deputato diessino Grillini, il quale vanta di aver approntato uno strumento, infallibile al 99%, per smascherare i gay.
E’ già da un po’ infatti che Grillini procede nella sua crociata di smascheramento degli omosessuali. Il Riformista dice a Grillini di spegner il radar gay, ed io aggiungo, di accendere il cervello.
A dirla tutta, io non nutro granché stima per quegli omosessuali che non dichiarano apertamente la loro natura. Questo, però, non perché siano obbligati a farlo per ottenere piena dignità di cittadini. Semplicemente mi urta che non sia condiviso il fatto che solo con l’ emancipazione culturale l’ omosessualità possa esser vista come uno stato cui non siano sottese limitazioni di sorta nell’ esercizio di diritti. Come per tante altre cose, gli omosessuali sanno che la lotta per l’emancipazione del loro stato passa per il sacrificio della loro generazione. Solo i gay di domani, semmai, godrebbero dei frutti della loro lotta. E così, preferiscono vivere e sopravvivere non cercando altri guai oltre a quelli che il bigottismo imperante gli provoca.

Tuttavia, come si è detto, l’ intenzione di Grillini di censire i gay è una fesseria senza eguali. La denuncia non ha nulla a che vedere con l’ emancipazione.

Caro Barnaba, il caro Grillini, stimato onorevole della nuova repubblica e presidente arcigay, ancora una volta ha dichiarato, dalle pagine della gazzetta, che almeno 20 giocatori di serie A sono gay. Avrà sicuramente le prove per dimostrarlo, ma il punto è un altro: a noi contribuenti che paghiamo il suo stipendio importa qualcosa di queste dichiarazioni? diventiamo, per questo, meno tifosi? la vita ci sorride? non credo, perchè i problemi sono altri. Mi chiedo e vorrei tanto chiedere a questo gentiluomo: e la privacy? non sarà per caso geloso delle non attenzioni da perte di questi uomini belli e desiderati? allora caro Grillini prova a guadagnarti la pagnotta che ogni mese ti diamo proponendo questioni più serie piuttosto che starnazzare dalle pagine dei giornali su presunte o vere omosessualità sportive!


Giulia





permalink | inviato da il 25/10/2006 alle 15:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (40) | Versione per la stampa
Casa delle libertà in saldo.
post pubblicato in Dardi di Nardi, il 24 ottobre 2006



La leadership della Cdl non è scontata. Ma alla fine si metteranno certamente d' accordo per un buon prezzo.






permalink | inviato da il 24/10/2006 alle 23:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (33) | Versione per la stampa
Sfoglia settembre   <<  1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8  >>   novembre