.
Annunci online

La soglia di incompetenza dei senatori a vita.
post pubblicato in Caro Barnaba, il 23 novembre 2006


Caro Barnaba, ma secondo il principio di Peter, i Senatori a vita hanno raggiunto il loro livello di incompetenza?Un saluto,

Marco Zamparini



Non necessariamente, caro Marco. Vedi, il dato non è omogeneo: il principio di Peter vale per i senatori a vita di nomina, e non per quelli che sono Presidenti emeriti della Repubblica. Quelli in qualche modo sono degradati e non promossi,  ed in qualche rarissimo caso, nonostante la competenza. Democrazia e meritocrazia coincidono sempre più di rado.






permalink | inviato da il 23/11/2006 alle 15:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (26) | Versione per la stampa
Postumi di Report
post pubblicato in Ecce Dardo, il 23 novembre 2006



Io non so chi sia questo fantomatico prof. Arena, ma sono certo che non si vanterà più, a cena con gli amici, di essere amico di Bassolino. 








permalink | inviato da il 23/11/2006 alle 1:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (18) | Versione per la stampa
Berlusconi. Calvario delle Libertà o Libertà dal Calvario?
post pubblicato in Caro Barnaba, il 22 novembre 2006



Io non sono di quelli che pensano che l’ altra parte della mela sia marcia. Sarà che io stesso, verme, traforando sono passato bellamente da una parte all’ altra, e così poi, come il pendolo imbrigliato dall’ inerzia, attendo di rimaner sospeso verticalmente ad un vertice: chissà forse un principio che mi coinvolga completamente. Pensando alla manfrina del Berlusconi che lascia la politica e poi non lascia più, anzi poi magari raddoppia, ritorno alla grande colpa che quest’ uomo si porta dietro. Un peccato originale, in sé però non costitutivo ma risolutivo.
Di tutte quelle che gli si possono imputare, infatti, la peggiore colpa è rappresentata dal fatto che la parabola di Berlusconi debba finire in sé stessa, ovvero nella pentola d’ oro che, alla base dell’ arcobaleno, proprio non c’è.
E’ vero che il berlusconismo stesso, in coerenza con sé stesso,  non può avere successione. Alcuni diranno: bene!, lo capisco, ma non condivido. Non condivido per quel semplice fatto che l’ interposizione diretta tra finanza, grandi interessi e politica di cui si è reso protagonista Berlusconi doveva necessariamente essere temporanea. Ma nel delirio d’ eterna onnipotenza, o forse nell’ incapacità  logica di fronte a questa prospettiva,  quello spazio di rappresentanza s'è destinato a degenerare secondo lo stesso modello. E tanti saluti alla temporaneità.
Il nostro Celestino ha scritto di “Calvario delle Libertà” e “Libertà di Calvario”. Bhe, io credo che Berlusconi non consegnerà pagine alla storia che non siano quelle già spiegate dai fatti, dalla sua condotta, e dai suoi alternanti successi e insuccessi. Nella “Libertà del Calvario” credo, e ne biasimo il lascito reso a quella parte di mela che, dicevo, non può considerarsi tutta marcia.  Nel “Calvario delle Libertà” invece credo meno. Mi suona come compiatire il perfido padrone di casa che, vecchio e logorato dalla galera della sua stessa avarizia, prenda calamaio e carta per scrivere, alla luce di un mozzone di candela, il suo lagno di vita ed esperienze. Qualcosa che andrebbe poi pubblicato con il titolo evocativo de “Le mie pigioni”.


 





permalink | inviato da il 22/11/2006 alle 15:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (33) | Versione per la stampa
Il pastore cambia posizione
post pubblicato in Dardi di Nardi, il 22 novembre 2006



Il papa si fa possibilista sull' uso del preservativo. Chissà, Dio potrebbe volere.

 
 





permalink | inviato da il 22/11/2006 alle 0:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (47) | Versione per la stampa
Posta in uscita
post pubblicato in Caro Barnaba, il 21 novembre 2006


Scrivi, Malvino non necessariamente ti cestina.

 

Caro Malvino, qualche tempo fa ascoltavo, grazie alla sempre benemerita Radio Radicale, una relazione del ministro Giuliano Amato sul tema della criminalità organizzata. Il ministro esponeva concetti condivisibili e che, pur nella loro apparente banalità, davano esatta cifra della questione. In particolare ci si soffermava sulla differenza della situazione che c'è in Sicilia e quella che si registra in Campania. In Sicilia, bene o male, c'è un'unica grande mafia, per cui sparutissimi sono i casi di guerriglia interna. I conflitti sono sopiti dal sistema stesso e l'amministrazione, succube, sopravvive foraggiando la cupola. In Campania, invece, ci sono mille è più camorre, tutte tese l'una contro l'altra. In disaccordo su tutto, persino nell'interpretazione del loro stesso codice d'onore. Ascoltando, pensavo: ecco, finalmente, una distinzione tra Chiesa Cattolica ed Islam che mi soddisfa.

dal blog di Malvino




permalink | inviato da il 21/11/2006 alle 18:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (21) | Versione per la stampa
Napolitano, degustatore in Vaticano.
post pubblicato in Dardi di Nardi, il 21 novembre 2006


 

Posto che la visita del nostro Capo di Stato al papa è stata puramente istituzionale, e che il protocollo non prevedeva la partecipazione ad alcun rito liturgico, men che meno a nessuna improvvisata eucaristia, qualcuno sa spiegrami perché Napolitano è andato in vaticano vestito da sommelier?






permalink | inviato da il 21/11/2006 alle 17:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (24) | Versione per la stampa
La tesa censoria. Orbitale del cappello da prete.
post pubblicato in Diario, il 21 novembre 2006



La censura è il cappello della protervia. Nelle sue mille tese questo cappello manifesta varie attitudini. Io non guardo le fiction, ma so che ora ne viene trasmessa una la cui trama prevede che due donne si sposino. Cultura Cattolica ha ritenuto di dover far sentire la sua voce, e così, arrotolate le maniche, ha preso a sbracciare mostrando la tesa del suo cappello. Percepisco da questa smania censoria non l’ intenzione, manifestata, di evitare la trasmissione di valori da costoro considerati adulteranti, piuttosto avverto il desiderio di negare l’ esistenza di fenomeni che pure esistono. Due donne che si sposano non devono comparire in una fiction televisiva non perché rappresentino un disvalore, eggià il cappello avrebbe dato il meglio della sua tesa!, ma perché donne che si sposano non esistono ne qui né altrove, né esisteranno mai, ché Dio non vuole. Quando si parla di morali escludenti è proprio a queste manifestazioni che dovrebbe guardarsi. Non già solo prevaricanti, queste morali, ma più semplicemente assolute. Tutto il resto è esiziale? No, neanche, tutto il resto non è. Non deve trasmettersi in televisione ciò che non è: due donne che si sposano. Quasi come non dovrebbe trasmettersi una notte polare, ché “fu sera e poi mattina” lì non vale, e gli appuntamenti segnati sul calendario della genesi perdono ogni significato. Artide e Antartide? Concetti reciproci, relativi. Semplicemente non esistono, né ovviamente si sposeranno mai. Neanche per fiction.   
 

 





permalink | inviato da il 21/11/2006 alle 14:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa
Deaglio e le elezioni mascarate
post pubblicato in Dardi di Nardi, il 21 novembre 2006



Deaglio dice che Berlusconi ha truccato le elezioni. C'è chi vede mascara e cerone dappertutto.
 

 





permalink | inviato da il 21/11/2006 alle 0:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa
Manifestazione di Roma. Celestino, a beatiful mind.
post pubblicato in Caro Barnaba, il 20 novembre 2006



L’ anonimo del sublime s’ è accanito oggi contro quei signori che sabato gridarono a Roma “dieci, cento, mille Nassirya". Non posso non dirmi d’accordo con lui. Specialmente laddove  nei connotati della sopraffazione demagogica  individua il delirium tremens tipico dell’ ubriachezza molesta.
Qui non vogliamo spacciare l’ ubriachezza per sete di vendetta, ma ci sono troppi avvelenati in giro che tirano acqua al proprio ciclo di Krebs.



Ed intanto è uscito l' inserto di LibMagazine. Vi tocca leggerlo.






permalink | inviato da il 20/11/2006 alle 16:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (18) | Versione per la stampa
"In mezz' ora" si truccarono le elezioni.
post pubblicato in Diario, il 20 novembre 2006


 

In attesa di vedere il film che uscirà venerdi in allegato con Diario, mi viene da muovere qualche immediato rilievo alla ricostruzione che Deaglio offre della notte elettorale delle ultime politiche.
Nel corso dell’ intervista resa a Lucia Annunziata, il direttore di Diario espone le sue ipotesi glissando, a mio parere, su alcune dettagli di una certa importanza.
Deaglio ritiene che un certo numero, in verità considerevole, di schede bianche siano state assegnate “al maggior partito della Cdl”. Questo sarebbe avvenuto direttamente al Viminale per opera di Pisanu che sarebbe intervenuto sulle cifre falsando il risultato nazionale. L’ accusa, allo stretto, è questa. Deaglio ritiene quindi che i brogli non siano avvenuti nelle singole sezioni elettorali  ma al Ministero degli interni; questo perché il dato relativo alle schede bianche si mostra impressionantemente diminuito in tutto il Paese: in modo singolarmente omogeneo. A questo punto, ricontare le schede nulle è per Deaglio l’ unico modo per scoprire la verità.
Due domande. Se i brogli non sono avvenuti nelle sezioni, perché richiedere il riconteggio delle schede? Basterebbe a questo punto confrontare i dati finali con quelli contenuti nei registri redatti dagli scrutatori. Deaglio dice poi che le schede bianche sono state caricate in favore di Forza Italia. Ecco, questo non mi è chiaro: dov’è la prova di questo? Ovvero, cosa dice a Deaglio che il broglio, se è avvenuto, è stato effettuato a vantaggio della Cdl? In ragione del fatto che al Viminale c’era Pisanu, si risponderà d’ istinto. Bhe, e non vi pare un po’ poco?   Ma tutto questo è nulla, e rientra probabilmente nella logica delle tattiche promozionali. La domanda vera è questa: Deaglio ha precisato che il ministro Pisanu ha anticipatamente annunciato che non querelerà. Bene. E  Deaglio, invece, perché non va da un giudice a spiegare quello cha ha suppostamente scoperto?






permalink | inviato da il 20/11/2006 alle 14:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (31) | Versione per la stampa
Sfoglia ottobre   <<  1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9  >>   dicembre