Blog: http://francesconardi.ilcannocchiale.it

Nuovomondo




Agli inizi del secolo scorso gli italiani partivano con i piroscafi ed arrivavano ad Ellis Island. Lì  venivano visitati, interrogati, valutati e schedati anche secondo la loro intelligenza. La storia c’è tutta, e valeva farci un film. A molti italiani fa bene sapere che questo è stato.
Per partire, i protagonisti di questo film scambiano gli animali di casa con vestiti degni del nuovomondo. Oggi, molti nuovi mondi vestono abiti indegni della disperazione di chi vi approda.
La confezione del film non è particolarmente suggestiva; esclusa la scena della partenza dal molo: laddove i sogni perdono concretezza e si trasformano in sacrifici nuovi, diversi da quelli da cui si fugge, ma comunque sacrifici.
Il sogno dell’ emigrante, ed in esso il miraggio del nuovomondo, è rappresentato con immagini surreali. Scene un po’ forzate quelle dei miraggi d’ ortaggi giganti ed alberi che stillano monete.
Ellis Island non è la corte di Nerone, e le vecchie siciliane, meschine, non hanno nulla in comune con Poppea. Ma è impressionante quante persone siano arrivate su quell’ isola,  sognando – come vuole Crialese – di andare a fare il bagno nel latte.




Con questa nave il nonno di mio padre,
nel 1929, è arrivato ad Ellis Island.

 

Pubblicato il 28/9/2006 alle 15.13 nella rubrica Cinema.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web