Blog: http://francesconardi.ilcannocchiale.it

Limbo e redenzione. Amnistia atipica.



 Retroattività salvifica


Ultime considerazioni sull’ abolizione del Limbo. Se n’è parlato un po’ dappertutto, in modo dotto ed interessante, ma anche no. Qui si è puntato su di una chiave di lettura ironica, e su due registri diversi. Per archiviare l’ argomento con soddisfazione però mi piacerebbe - e godendo di un blog lo faccio – rilevare qualche altra cosuccia. 

S’ è posta come condizione di ammissibilità per ogni congettura il dato che l’ esistenza stessa del Limbo non è che un’ ipotesi teologica; lo diceva Benedetto XVI quando era Prefetto della congrezione per la Dottrina della fede, e dobbiamo prendercela per buona: non c’è Pia catechesi che tenga. 
Qui s’è detto di questa operazione definendola come una strepitosa operazione di marketing. Ebbene, confermo, ma c’è di più.

La legge dell’ uomo, laddove s’è codificata secondo principi e gerarchie ordinate di fonti, ammette la propria incidenza applicativa - i suoi effetti - solo su quanto accade posteriormente alla sua emanazione. In contrasto a questo principio s’ammette però la possibiltà che un atto di legge possa influire su situazioni anteriori. Sono, ad esempio, le sanatorie, i condoni, gli indulti, le amnistie. 
La legge cattolica - e qui non la confonderemo con il diritto canonico -, nella sua fonte percettivamente  principale,  rispecchia l’ impostazione del secondo dei modelli sopra descritti. Essa, infatti, è sanatrice: Gesù, è sceso in terra, e ha redento il mondo. Un’ amnistia.
Non un condono, attenzione, perché la redenzione cristiana ha cancellato i peccati, non solo le pene. Anzi, esagerando, trattasi di amnistia atipica: in forza della quale si sono cancellati i peccati e confermate le penitenze.

L' abolizione del Limbo, ovvero il luogo d’espiazione d’ una particolare pena, è dunque anch’ essa un’ amnistia. Questa volta, però, il fenomeno avviene secondo il modello della legge dell’ uomo: i suoi effetti ricadono nel futuro. 
C’ è una costante: ogni volta che una norma, quale che sia il suo campo d’ applicazione, è retroattiva, allora essa è eccezionale, straordinaria..Ed in tutti i casi è un ottimo argomento di propaganda. 


 


Pubblicato il 7/10/2006 alle 17.34 nella rubrica Recht und Unrecht.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web