Blog: http://francesconardi.ilcannocchiale.it

Finanziaria: Un’ora solenne nel cielo della patria.


Caro Barnaba, si va verso il futuro, nel cielo del destino spunta l’aurora. Sembrerebbe che il poeta voglia il suo eroe: TPS. L’epica prodiana da tramandare ai posteri prima che l’apocalisse ci distrugga. Una palla d’acciaio nichelcromo, molibdeno, tungsteno, a tenuta stagna, sottoposta alle più alte e basse temperature per sperimentarne la tenuta: a prova di bomba nucleare.
Nella cavità è stata messa la Finanziaria, completa d’ogni accorgimento giuridico per farla navigare dal 1/1/2007. Sarà sparata nello spazio siderale e vagherà fra le stelle. All’interno anche il domenicale della Stampa, l’ode “All’amico caduto da cavallo”.
Il cavallo è l’economia italica, non vuol bere, come diagnosticò un lustro fa il grande clinico Eugenio l’Equestre.
Anche Cacciari da Tv7 profetizza il peggio. Lerner Boccheggia. Mentre il popolo sitibondo apre le fauci alla pioggia che non disseta.
“È Santo ca nun sure” TPS, ma promette: verrà la pioggia, e sarà un diluvio.

Celestino Ferraro



Celestino, non disperare: è pioggia di stagione, e se non ci sarà scirocco non si sporcheranno neanche le macchine. E poi non può piovere per sempre. Sono tutti più o meno d' accordo: non pioverà per cinque anni.



Pubblicato il 4/11/2006 alle 21.43 nella rubrica Caro Barnaba.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web