Blog: http://francesconardi.ilcannocchiale.it

Che bel Dio che hai, me lo dai?



Mi pare di capire che il Dio di Massimo Adinolfi sia un Dio per adesso. Un  feticcio, quasi: una specie di Quelo. Ed infatti ce lo vedo il buon Massimo che si lamenta perché la bambina ha vomitato il tonno sui binari.
Quello di AzioneParallela, spiegato qui da Malvino, è  un Dio da codice napoleonico per come è  definito;  certo non è un' obligation ma è comunque portable. Quella specie di Dio per il quale, Malvino immagina,  si potrebbe dire: Adino', oggi sono triste, che fai: me lo presti?
Chissà! Forse, poi, con il tempo ed un po' di allenamento, lo si potrebbe cominciare a distribuire in modo ordinato: un Dio in franchising, la nuova frontiera del federalismo religioso. Che si vuole di più?

 

Pubblicato il 5/12/2006 alle 16.48 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web